Motociletta 10 hp… Parto per Madrid!

Error, group does not exist! Check your syntax! (ID: 1)
Error, group does not exist! Check your syntax! (ID: 5)

Autostrada di Madrid

Motocicletta 10 hp, tutta cromata, è tua se dici sì…” No non si tratta di un post sul buon vecchio Lucio Battisti (“buonanima“). Quello che voglio raccontarvi è il profumo del mare, il colore del sole appena nato di un alba e di quello morente di un tramonto, la sensazione di libertà fumando una Lucky al bordo dell’autostrada, le carezze delle gocce di sudore sulla pelle, il calore durante il giorno, il freddo durante la notte… Voglio raccontarvi un viaggio cominciato al porto di Palermo e “finito” (per adesso) a Madrid nel cuore della Spagna.

Da vero biker (come mi scrisse il carissimo Vincenzo) il 2 Agosto del 2007 mi imbarco da Palermo con destinazione Barcellona; appena sul ponte della SNAV è già magone: un nodo mi stringe la gola metre la brezza del mare, che bagna la mia amata terra, mi bacia il viso… Fa caldo, tanto caldo e io indosso la mia giacca Dainese pronto per cominciare quest’inedita avventura. Percepisco quasi l’amplificarsi dei sensi… Forse è questo il famoso “sesto” che tanti cercano, io ce l’ho avuto anche se per un solo istante…o almeno credo.

I miei occhi, avidi, insaziabili rubano immagini che rimarranno indelebili: la mia famiglia, Vincenzo (uno degli amici più cari… Fratello), la donna di cui ero perdutamente innamorato e naturalmente lei, la mia Sicilia che con la sua costa sembrava quasi abbracciarmi… “carpe diem” dicevano i Latini e io quell’attimo l’ho colto…

Il mio naso percepiva odori su cui non mi ero mai soffermato, il profumo del mare, la puzza di smog nella stiva della nave, il mio profumo portato via dal vento. Il canto delle onde, come sirene ammaliatrici, mi obbligava a rimanere a terra ma la voglia di scoperta, di rinascere come una fenice, la voglia di Madrid era ancora più irresistibile… Il fischio della sirena mi riporta con i piedi per terra: sono in viaggio…si comincia!

I passaggi in nave (Palermo-Civitavecchia-Barcellona), rigorosamente in poltrona (200€ sola andata con Grimaldi e SNAV) sono durati tanto, ma io avevo altrettanti pensieri per la testa, un libro, un lettore mp3 e la mia fotocamera digitale. La seconda parte del viaggio (a partire da Civitavecchia) è statà più piacevole grazie a una coppia di motociclisti di Siracusa che guarda caso facevano tappa come me a Siviglia (dove mi sono fermato tutto Agosto).

Finalmente attracchiamo al porto di Barcellona sono in Spagna!

Salto in sella alla mia Hornet (con le valigie era irriconoscibile e pesantissima) e con i miei nuovi compagni di viaggio su una Ducati st3 cominciamo il viaggio. Fortunatamente mi sono previamente munito di un gps, quindi la strada ce la faceva lui. Sono le 22.30.

Dopo innumerevoli fermate agli autogrill (dove ci dopavamo con red bull e caffè) si arriva ad Alicante. Sono le 06.00, saluto i miei nuovi amici e ci diamo appuntamento a Siviglia, sono stanchi quindi si fermeranno un paio di giorni. Io no, non sono stanco, sono stremato ma la voglia di arrivare è troppa quindi, unica tirata, mi mancano “solo” 600 km. Mi sembra di essere dentro uno di questi film americani, l’aria si fa “liquida” all’orizzonte l’aria bollente mi brucia le dita, anche la moto è esausta.

Solo le 15:30, arrivo finalmente a Siviglia, sono stravolto, distrutto, felice e soddisfatto… Sono un “uomo nuovo”.

Passa un mese, durante il quale recupero energie mentali e fisiche; è il 5 di settembre sono nuovamente in viaggio, stavolta la destinazione è Madrid… La mia, la nostra. In confronto ai 1000 km da Barcellona a Siviglia mi sembra una passeggiata…

Siviglia-Madrid

Esperienza sensoriale a parte, vi consiglio di procurarvi un gps anche se le indicazioni stradali sono abbastanza chiare. Il traffico spagnolo non ha niente a che vedere con la “giungla all’italiana”: esiste un codice della strada e soprattutto va rispettato. Il limite massimo in autostrada è di 120 km/h (limite da rispettare visto che le autostrade sono piene di autovelox), tutti rispettano ordinatamente le distanze di sicurezza e a nessuno verrà mai in mente che un “folle” in moto venga dalla corsia di emergenza (quindi che l’idea non vi passi nemmeno per l’anticamera del cervello). Se viaggiate d’estate, come ho fatto io, vi consiglio di farlo di notte: c’è meno traffico e soprattutto meno caldo, specialmente se vi dirigete a sud. Potrete rifornire la vosta “bambina” (la moto) con benzina da 95 o 98 “ottani” (quella di 98 ottani è leggermente più cara ma vi garantisce prestazioni migliori), il tutto per un prezzo che quest’estate era sotto l’euro al litro, adesso siamo a 1,10€/l circa. Naturalmente portatevi dietro un piccolo “kit di soprevvivenza” ovvero fusibili, spray ripara gomme ecc.

Beh, “da Madrid è tutto” spero di essere stato utile a tutti i bikers e non… A presto

Error, group does not exist! Check your syntax! (ID: 5)
Posted on by sandro in Pensieri, Strade, Trasporti