Lo Shoefiti prende piede anche a Madrid

Error, group does not exist! Check your syntax! (ID: 1)
Error, group does not exist! Check your syntax! (ID: 5)

Lo Shoefiti a Madrid

Bello il titolo di quest’articolo, eh? Scommetto che non avete capito il gioco di parole. Ve lo spiego: la parola Shoefiti è la fusione di due parole inglesi “Shoe” e “Graffiti”. Si riferisce alla pratica di legare tra loro i lacci di due scarpe e di scagliare queste ultime in aria, in modo da farle restare appese in genere a un filo della luce o del telefono. È un passatempo abbastanza diffuso, sebbene piuttosto misterioso, in America del Nord. Sono state avvistate scarpe anche in Francia, Svezia, Australia, Norvegia e ora arrivano finalmente nella capitale iberica di Madrid (la foto l’ho scattata dalla mia finestra). Ci sono addirittura blog volti a collezionare foto di Shoefiti.

Sono varie le teorie che si sono formulate in merito, più o meno sinistre, ma nessuna sembra essere fondata. Si parla di luoghi in cui viene venduta eroina o cocaina, dove sono stati uccisi membri di gang o ancora dov’è possibile rubare in determinati momenti della giornata (a seconda del tipo di calzature). Quest’ultima ipotesi è particolarmente gettonata in Spagna, poiché qualche anno addietro si diffuse la credenza che dei delinquenti contrassegnassero portoni e muri con dei simboli volti a indicare il momento migliore per derubare un edificio.

Ci sono poi molte altre spiegazioni dello Shoefiti in generale. Alcune di tipo religioso, altre di stampo folkloristico e così via, ma personalmente credo che si tratti di un mero passatempo istigato dalla noia e dall’alcol. Qualcuno a Madrid deve aver dato inizio a questa pratica senza volerlo, probabilmente una notte qualunque. Avrà trovato un paio di scarpe vicino a un cassonetto… C’era un filo a portata di tiro… Probabilmente quella persona aveva visto Big Fish o era di origini arabe… e il gioco è fatto. Decine di persone le avranno viste e avranno pensato bene di rifarlo o di documentarsi in merito, per poi dare addito alle più disparate leggende popolari.

Secondo me sono tutte stronzate, però provo una piacevole sensazione quando vedo un paio di scarpe appese a un filo. Lo vedo come in Big Fish, come un modo di gridare: “Voglio restare a Madrid, questa città mi piace, senza le mie scarpe non posso andarmene”.

Vi va di creare un album di foto con tutte le scarpe che troviamo appese in quel di Madrid? Perché non mi mandate a quest’indirizzo tutte quelle che riuscite a immortalare?

Error, group does not exist! Check your syntax! (ID: 5)
Posted on by santa in Varie