Vestiti e arte nei negozi di Madrid

Error, group does not exist! Check your syntax! (ID: 1)
Error, group does not exist! Check your syntax! (ID: 5)

Negozi Madrid

Madrid è piena di luoghi spettacolari: la Piazza di Cibeles, la Piazza di Nettuno, il Parco del Retiro, il Paseo del Prado, le viette che sboccano in Plaza Mayor (non riesco a chimarla Piazza Maggiore), ecc… Ma il vero fascino di Madrid, per me, si trova in quelle vie e piazze su cui si affacciano ambienti sorprendenti e diversi e che emanano un odore peculiare, quello di Madrid!

Uno squallido bar di fronte ad un negozio di Hugo Boss; un negozio cinese di fianco a un negozio “super fashion” di parrucchieri; una merceria, la cui unica dipendente ha 70 anni, di fronte ad un negozio dove ti fanno piercing e tatuaggi; un fioraio davanti a un “bar de copas” frequentato da “dark”; una piccola palestra con musica altissima di fronte a una delle pasticcerie più antiche di Madrid, ecc…

Siamo in pieno centro, siamo a Chueca, a Malasaña e a Conde Duque. Centro di questo centro, una via, la dinamica calle Fuencarral. Via piena di negozi e negozietti, di immaginazione, creatività e design. In questa via, secondo alcuni, sfilerebbero la moda alternativa e la libertà nel vestirsi, ma io non ne sono così convinta!

Chi sta veramente sfidando i noisi e tipici centri commerciali sono tutti quei giovani disegnatori e quelle giovani disegnatrici che, in un’epoca come la nostra, quella dei prodotti in serie, hanno deciso di puntare sull’originalità e l’arte di vestire in modo classico, ma alla moda.

Se siete tra quelle persone che non sopportano di vedere che un’altra indossa il vostro stesso capo e se per voi l’abito fa il monaco, potete scegliere tra queste opzioni:

1- L’autoinganno. Consiste nell’autoconvincersi che il capo che indossa la persona seduta di fronte a voi, nel metro, non è lo stesso. Come ci si autoconvince di ciò? Le tecniche credo che le conosciate pure voi, ma ripassiamole:

a) far finta di non esservene accorti e quindi guardare da un’altra parte, ovviamente con disinvoltura;

b) ripetersi che all’altro o all’altra sta decisamente peggio, tanto da sembrare un altro capo d’abbigliamento;

c) stupirsi per il bell’abbinamento che avete fatto; grazie al vostro tocco speciale e al vostro buon gusto, quello che indossate voi non ha niente a che vedere con quello che indossa l’altra persona! (è questa l’opzione più gettonata);

2- Comprare vestiti dai cinesi, ma non credo che poi possiate dire di essere vestiti alla moda;

3- Comprare solo cose di marche carissime: Dolce e Gabbana, Hugo Boss, Valentino, Gucci, ecc…

4- Perdervi per le vie dei quartieri indicati ed entrare in tutti quei negozi e negozietti che hanno un tocco speciale, per esempio in quelli dove, da fuori, si vede una ragazza seduta ad una macchina da cucire!

A parte alcuni negozi della calle Fuencarral che sicuramente già conoscerete, vi passo un elenco dei miei preferiti, nei quali potrete trovare collezioni di giovani disegnatori spagnoli ed internazionali (pezzi limitati), e addirittura, in alcuni, complementi realizzati a mano e molte altre cianfrusaglie davvero caruccie!

Per le femminucce:

Jocomomola, c/Jorge Juan 12 (callejón); è la seconda linea della marca spagnola Sybilla; si tratta di una linea giovane, comoda, colorata, discretamente “trendy”. I tessuti sono naturali!

Biscuit, c/ Divino Pastor, 15. Più che entrare in un negozio, si ha la sensazione di entrare in un racconto. Qui troverete, oltre a marche francesi ed inglesi, la collezione spagnola Muka, d’ispirazione Vintage.

Trucha, c/ San Vincente Ferrer, 21. Tutte le magliette, gonne, vestiti e borse, sono disegnate e accuratemente cucite a macchina, dalla stessa affittuaria del negozio! La festa dei colori!

Ioli, c/ Espiritu Santo, 1. Negozio piccolissimo e davvero caruccio! Scarpe e borse in pelle! I colori li decidi tu, come pure l’altezza del tacco! Stile: tra il “Parigi anni 20″ con un tocco vintage.

Lost People, c/ Santa Barbara, 9.

Lotta Vintage and Scandinavian designers, c/ Hernán Cortés, 9. Molti capi sono di seconda mano.

Per i maschietti:

Monkey Britstily, c/ Hernán Cortés, 14. Ovviamente stile inglese.

Loreak Mendian, c/ Santa Barbara, 4. Hanno abbigliamento sportivo… se non ricordo male!

Sportivo, c/ Conde Duque 20. Cose sportive, altre brit style, altre un po’ vintage.

Mini, c/ del Cristo. Sono gli stessi proprietari dello “Sportivo”.

Clean, c/ Acuerdo, 31. Non so che tipo d’abbigliamento vendano, me l’ha suggerito un amico!

Ovviamente i prezzi non sono né da H&M ma nemmeno da Dolce & Gabbana! Diciamo da Mercado Fuencarral! Mi spiace per voi ragazzi, ma anche in questo caso, i prezzi per voi, sono più alti!

Ricordo che comunque esiste sempre l’opzione 1c! È quella che preferisce la mia carta di credito!

P.S.: i negozi indicati fanno parte di una lista molto più ampia, ma davvero, gli altri li potete trovare da voi, passeggiando e perdendovi per le vie delle zone indicate!

Error, group does not exist! Check your syntax! (ID: 5)
Posted on by valentina in Arte e Architettura, Shopping