Ti paghi solo il viaggio!

Error, group does not exist! Check your syntax! (ID: 1)
Error, group does not exist! Check your syntax! (ID: 5)

snoopy

Inizia la bella stagione e dalle grandi e piccole città dello stivale le prime voglie di vacanze hanno bisogno di essere soddisfatte ed è così che i nostri amici, cari e non, che abbiamo lasciato nel Belpaese iniziano a valutare tutte le varie opzioni possibili. Dai brevi weekend, alle settimane di ferie google maps si trasforma in un piano di battaglia. Capitali europee, posti di villeggiatura che aprono i battenti, viaggi culturali, vacanze benessere. Ma è ancora presto per rompere il salvadanaio, bisogna cavarsela con poco, ci vogliono offerte e proposte, agosto è ancora lontano.

Ode ai voli low cost, che bella la vita low cost, che bello sentire di poterlo fare, con poco e in poco tempo e quindi via sui vari edreams, lastminute e tutti gli altri venditori di pause dallo stress quotidiano. Volo, hotel e poi a cena fuori tutte le sere, ecco che il progetto inizia ad apparire irrealizzabile e allora dall’ufficio arrivano delle mail a cui rispondere, una telefonata che stressa, il capo che ti chiede delle consegne assurde e di low rimane solo il tuo profilo. Ma ecco un barlume di speranza, una luce che infrange il grigio tram tram (come dicono a Milano, anche se pare che zero tituli sia molto più di moda in questi giorni) gli amici all’estero! Qui entriamo in causa noi, italiani all’estero, italiani sempre italiani con il nostro modo italiano di vivere la nostra inevitabile italianità. Invitiamo, parliamo e straparliamo e poi ci troviamo con la casa piena di gente in vacanza mentre noi lavoriamo.

Ai nostri amici e conoscenti vengono in mente le parole che abbiamo speso durante l’ inverno, quando magari siamo passati a trovare la famiglia per una settimana e davanti a qualche birra ci siamo lasciati scappare un”ti ospito io!” “non ti preoccupare, ti paghi solo in volo!” , “ma sì, ci arrangiamo!”.

Ma sì, ci arrangiamo??? Come mi vengono in mente certe cose, lo sa solo Bacco :) Bello poter mostrare quanto bene ci siamo sistemati, poter  sottolineare la differenza tra la vita che abbiamo lasciato e quella che attualmente viviamo, e quindi via con le danze di amici che non parlano spagnolo che vogliono visitare Madrid di giorno e sbronzarsi la sera, e in tutto questo noi, che continuiamo a lavorare, costretti a dividerci tra le loro vacanze, i nostri impegni e tutto il nostro quotidiano. “Ho preso il ritorno mercoledì perché mi costava meno”, “beh ma guarda che io lavoro”, “ok mi farò un giro per la città”.

Questi giri solitamente durano la strada fino al tabaccaio o, quando va bene, il tempo di una visita al Reina Sofia, ma poi cena, sbronze, loro in piedi alle 14 e noi alle 9 a lavoro…
Ebbene amici lontani, venite, vi aspetto, le promesse fatte al bar si mantengono, e poi  quando ve ne andrete sono sicuro che mi dispiacerà e vi dirò di tornare quando vorrete, sono senza speranza…

Error, group does not exist! Check your syntax! (ID: 5)
Posted on by zollo in Varie