Feste di San Isidro: ricomincia la mattanza

Error, group does not exist! Check your syntax! (ID: 1)
Error, group does not exist! Check your syntax! (ID: 5)

Come ogni anno Madrid si prepara alle famose feste di San Isidro e, come ogni anno più di 200 tori si preparano inconsapevolmente a essere torturati,  uccisi e sacrificati in nome di una tradizione tanto sanguinaria quanto retrograda della cultura madrileña e spagnola come quella della tanto osannata corrida.

Mi sembra assurdo di come una civiltà come quella in cui viviamo non sia in grado di dire un no fermo a questa mattanza. Tutti i miei amici spagnoli sono contro la corrida e le poche volte che mi sono trovato in una discussione riguardante questo tema, la parte pro corrida oltre a essere in assoluta minoranza, più che lo spettacolo difendeva la tradizione apportando motivazioni ridicole come il fatto che i tori fanno una bella vita e che un’altissima percentuale del ricavato finisce in beneficienza. Ovviamente, questo non può bastare per trasformare l’agonia di una bestia nel trionfo di un uomo agli occhi di un pubblico desideroso di sangue. Nel video che ho postato si vede l’effetto che ha questa tradizione agli occhi di un pubblico straniero e che effetto fa la violenza gratuita verso un animale indifeso.


Durante una corrida 3 toreri uccidono 6 tori in ordine di anzianità a seconda di quando hanno preso l’”alternativa” che è una sorta di Laurea del torero. Durante le 3 fasi della corrida il toro viene letteralmente torturato, prima sfiancato dai picadores che lo infilzano con delle lance per farlo sanguinare, poi imbestialito dai banderilleros che lo infilzano per farlo innervosire e dargli l’ultima forza prima di cadere per mano del torero che lo finisce. Se il torero ha toreato bene secondo pubblico e presidente, quest’ultimo gli consente di portarsi a casa il suo trofeo: le orecchie e la coda del toro.

Da qui al 6 giugno si massacreranno più di 200 tori. Considerate che un buon torero in una stagione può arrivare a tagliare 50 code, ma è molto difficile arrivare al trofeo, quindi fatevi un po’ i conti di quanti tori vengono torturati in nome di questo spettacolo in Spagna.

Che vergogna.

Error, group does not exist! Check your syntax! (ID: 5)
Posted on by zollo in Varie