Inquinamento a Madrid

Error, group does not exist! Check your syntax! (ID: 1)
Error, group does not exist! Check your syntax! (ID: 5)

A spasso per Madrid con la mascherina? Non è una nuova moda, tutt’altro, diciamo che ultimamente proteggersi naso e bocca quando si gira a piedi è diventato quasi un gesto di necessità.

Da ciò che si legge su tutti i giornali, oltre a quello che si vede quotidianamente per le strade della Capitale,  il livello di inquinamento a Madrid ultimamente sta salendo alle stelle. La colpa sembra essere soprattutto dei motori diesel, i quali rilasciano grandi quantità di diossido di azoto (dióxido de nitrógeno in spagnolo), un gas pericoloso per il sistema circolatorio e respiratorio, e considerato cancerogeno.

Una normativa europea stabilisce in 40 microgrammi per metro cubo il limite massimo consentito del suddetto gas, mentre a Madrid nei giorni scorsi si sono sfiorati i 200. Le leggere piogge del fine settimana scorso sembra abbiano pulito un po’ l’aria riportando la contaminación a livelli normali, dando un una boccata di ossigeno alla città.

A noi italiani, abituati a città come Roma, Napoli e soprattutto Milano, probabilmente l’inquinamento madrileño fa un baffo; resta comunque preoccupante il fatto che la città dove viviamo, paradiso dei mezzi pubblici e del tanto sbandierato “mejor metro de Europa” stia peggiorando così tanto dal punto di vista della respirabilità dell’aria. Speriamo che l’ayuntamiento prenda qualche provvedimento in merito, magari chiudendo il centro al traffico (se ne parla già da qualche anno) o creando qualche nuova area verde che faccia da polmone alla città.

Comunque, se volete spaventarvi davvero, date un’occhiata alle foto pubblicate dal 20 minutos qualche giorno fa, dove si vede Madrid ripresa dallo stesso punto in una giornata di dicembre 2010 e in una di febbraio 2011. Impressionante…

Error, group does not exist! Check your syntax! (ID: 5)
Posted on by Reinaldo Dedali in Madrid