Cercare casa a Madrid: le regole dell’affitto

Error, group does not exist! Check your syntax! (ID: 1)
Error, group does not exist! Check your syntax! (ID: 5)

affitto-cercare-casa-madrid

 

Quando due anni fa mi sono traferita a Madrid e mi sono messa a cercare casa, avrei tanto voluto che qualcuno mi dicesse a cosa sarei andata incontro…

Innanzitutto piccolo vocabolario di sopravvivenza: quando vi viene chiesto un Aval, scappate!

Scherzo, un “aval bancario” è una garanzia in più che il padrone di casa (d’ora in poi verrà chiamato “dueño”, così iniziate ad abituarvici) vi potrebbe chiedere in caso di non avvenuto pagamento dell’affitto, totalmente a sua discrezione: nient’altro è che un contratto da firmare in banca versando una somma pari a 6 mesi di affitto (tendenzialmente l’Aval è di 6 mesi) che rimarrà congelata finché durerà il contratto d’affitto in un conto che ha un costo annuale che si paga alla banca per il mantenimento, a differenza del cosiddetto “deposito”, che è uguale all’aval in termini di anticipo di tot. mensualità, che vengono appunto depositate in un conto… Insomma, tante parole per dire che con l’aval dovete mettere 6 mensilità in banca così, d’emblée, e lasciarcele finché non cambiate casa pagando per di più delle spese annue. Peeeso…

Per fortuna, grazie alla crisi (almeno serve a qualcosa!), quasi nessuno chiede più questo tipo di garanzia, tutti chiedono invece la “fianza”, altro termine da appuntarsi: la fianza altro non è che la nostra caparra, una garanzia sui danni eventuali, se non paghi l’affitto, il dueño, per legge non può toccare la fianza che rimane dove si trovava a meno che non siano stati fatti dei danni all’appartamento.

Anche qui le mensilità possono variare, anche se la fianza è regolata per legge e lo standard sono 2 mesi, ho visto in tantissimi annunci che adesso viene chiesta una sola mensualità, un paio d’anni fa era più frequente che te ne chiedessero due appunto.

Altra cosa da chiedere al dueño nel momento di valutazione di una casa è, insieme al prezzo dell’affitto, se i gastos ovvero le spese, sono comprese o meno: per spese si possono intendere i gastos de comunidad (spese condominiali) calcolate quasi sempre al mese, verificare chi le deve pagare; le spese del pattume, in caso fossero escluse dalla comunidad, e le bollette di acqua, luce, gas. Ricordo le bollette, perché in alcuni casi il dueño vuole mantenere l’intestazione delle bollette e preferisce tenere la mensilità più alta di 100 euro per esempio, per cui un appartamento che costa 800 invece di 700 euro non scartatelo prima di aver verificato questa cosa.

Ho di recente scoperto che l’Ayuntamiento di Madrid contribuisce alle spese dell’affitto per i giovani: se hai un’età compresa tra i 22 e i 30 anni, hai uno stipendio fisso ma in totale non guadagni più di 22.000 euro lordi l’anno, puoi richiedere la detta sovvenzione, “Renta Básica de Emancipación”. Le informazioni sul sito però si fermano con il bando per l’anno 2011, quindi tenete d’occhio il sito che magari riparte anche per quest’anno.

Tenete conto che per chiedere questo tipo di aiuto è fondamentale che il dueño depositi la fianza in un conto apposito dell’Ayuntamiento. Se ciò non avviene potrebbero dare lo stesso la ayuda, però potrebbero anche chiederla indietro se si accorgono che la fianza non è stata depositata come previsto dalla normativa.

Per la ricerca di annunci il sito sicuramente leader in Spagna è idelista.com: semplice ed intuitivo, è quello che raccoglie il maggior numero di annunci, quasi tutti con foto (corrispondenti alle case!) e dati corretti, sia di privati che di agenzie. Gli annunci sono suddivisi per quartieri, c’è una facile mappa da consultare con tutti gli appartamenti disponibili e l’opzione di annotare i propri annunci preferiti, salvandoli nel proprio account.

Nei miei giri di ricerca ricordo di aver trovato dei personaggi assurdi, non spaventatevi: quelli che ti danno la casa con dentro dei mobili Luigi XV, e guai a toccarli o spostarli. Quella che mi dice che non si possono tenere animali in casa per decreto condominiale… e uscendo dall’appuntamento incontro un padrone con pastore tedesco annesso che se ne torna allegramente in casa. Una tizia che davanti ad una crepa che attraversa equatorialmente tutto il piso, sostiene che il restauro sia inutile perché zona sismica. O ancora, una piccionaia di appartamento e la tipa dell’agenzia ti dice che le GRATE alle finestre sono chiuse da un lucchetto di cui si è persa la chiave hace tiempo

E non vi preoccupate se chiamate delle agenzie immobiliari per chiedere un appuntamento, e queste vi liquidano dicendo “sì, sì, vi richiamiamo noi” e non si fanno più sentire: tutto normale, è cosa buona e giusta!

Sono sicura che ognuno di voi ne ha viste delle belle come me! Raccontatecele!

Error, group does not exist! Check your syntax! (ID: 5)
Posted on by marghe in Affitto