Calle de la Cabeza, Madrid

Error, group does not exist! Check your syntax! (ID: 1)
Error, group does not exist! Check your syntax! (ID: 5)

Calle de la Cabeza, Madrid

Il nome di una via nasconde sempre un aneddoto, una storia o un avvenimento particolare. Conoscete la calle de la Cabeza di Madrid? Noi abbiamo scoperto le macabre origini di questa via e oggi ve le raccontiamo!

Calle de la Cabeza è situata tra Tirso de Molina e Antón Martín, una via che molto probabilmente avrà attirato l’attenzione di qualche passante per via del disegno presente nella targa. Dovete sapere che l’abitudine di aggiungere il disegno nelle targhe delle vie è nato per aiutare gli analfabeti a riconoscere le strade.

In questo caso il disegno rappresentato non ha bisogno di molte “spiegazioni”, però, vale la pena raccontare le sue origini. Durante il XVI secolo un sacerdote molto ricco viveva in questa calle assieme al suo servo portoghese. Quest’ultimo, accecato da profonda invidia, decise di uccidere il suo padrone decapitandolo. Col tempo tutti si dimenticarono dell’accaduto perchè nessuno riuscì a ritrovare la testa della vittima nè il colpevole.

Qualche anno dopo il servo, diventato ormai cavaliere, dopo essersi allontanato decise di tornare a Madrid. Durante una passeggiata nella zona del Rastro pensò di comprare una testa di montone per la cena. Sistemò la testa in una sacca sotto al suo mantello ma, nel tragitto verso casa, la sacca iniziò a perdere gocce di sangue. Il cavaliere venne fermato per via del sangue che gocciolava e fu inutile cercare di spiegare che si trattava semplicemente della sua cena.

Il cavaliere dovette aprire il sacco e, inspiegabilmente, si scoprì che la testa che portava con sé non era più quella del montone ma quella del sacerdote ucciso anni prima. L’uomo non ebbe altra scelta e fu costretto a confessare l’omocidio. L’assassino fu incarcerato e impiccato in Plaza Mayor.

Ecco svelato il mistero! Questa storia lasciò il segno tanto da dare il nome alla via nella quale si consumò la tragedia: calle de la Cabeza.

Error, group does not exist! Check your syntax! (ID: 5)
Posted on by Redazione in Cultura e Società